Cerca
  • Francesca

Recensione - Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada

Buongiorno Lettori!

Oggi nuovamente tempo di recensioni, questa volta in compagnia di un'autrice britannica la cui lettura è stata raccomanda niente di meno che da Stephen King!

Titolo: Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada

Autrice: Alex Marwood

Serie:/

Casa Editrice: Newton Compton Editori

Pagine: 322

Formato: hardback

Prezzo: 5,90€ oppure 9,90€(cartaceo)

2,99€(digitale)

Stephen King ha quotato il retro di questo libro, il secondo di Alex Marwood, autrice britannica in rapida ascesa, così: "un libro davvero inquietante con grandi personaggi". E naturalmente io incuriosita come pochi non ho potuto fare a meno di leggerlo.

Innanzitutto partiamo con il dire che Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada, libera traduzione di The killer next door, non è stato assolutamente e nella maniera più categorica possibile, quello che mi aspettavo. Complice anche lo strillone di copertina mi aspettavo un thriller il cui perno principale era appunto l'antica e decadente casa in Belulah Grove in cui si svolgono le vicende. Quello che mi sono trovata tra le mani è stata invece una suspense novel decisamente atipica e, se da una parte questa è stata una sorpresa tutto sommato gradita, dall'altra parte mi sono trovata di fronte alcuni aspetti che mi hanno suscito perplessità.

Va premesso innanzitutto che Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada è un romanzo altamente grafico, con contenuti molto forti e descrizioni che se non violente quanto meno si presentano decisamente vivide. A tratti sfocia nel macabro e il più delle volte non risparmia al lettore particolari splatter e molto cruenti. La cosa devo dire che non mi ha dato fastidio, anzi, essendo arrivata in maniera del tutto inaspettata l'ho accolta come un'interessante variazione rispetto alle mie ultime letture. Tuttavia il romanzo della Marwood presenta anche delle particolarità che, appunto, non mi hanno convita fino in fondo. In primis la totale mancanza di una procedura investigativa. Non c'è traccia infatti di investigatori nel romanzo, né di personaggi che si mettono a indagare per conto loro improvvisandosi detective. Il colpevole c'è e il lettore lo scopre semplicemente leggendo i capitoli con il suo punto di vista a circa metà del romanzo. Non viene data una motivazione, né un movente. Ne Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada i personaggi non sono consapevoli della presenza di un assassino tra di loro, non ne sospettano la presenza e dunque non vanno neanche alla sua ricerca. Succedono fatti strani e inspiegabili, attraverso sui viene a galla tutta la bravura dell'autrice nel creare atmosfera e mistero, ma poiché ognuno di loro ha un segreto da proteggere non si arrischiano a chiedere e, anche quando ne diventano consapevoli, la vicenda si autoconclude letteralmente lasciando il lettore, me sicuramente, perplesso. La scoperta dell'identità dell'assassino segna peraltro un brusco calo nella tensione narrativa e personalmente sono rimasta in attesa di un colpo di scena in grado di rialzare l'asticella del grip e di ribaltare le sorti del romanzo, riprendendo l'attenzione del lettore, che però non è mai arrivato. Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada si configura dunque più come un romanzo in cui i personaggi con le loro storie personali la fanno da padrone piuttosto che uno in cui l'intreccio domina sulla scena. E in questo l'autrice è stata davvero molto brava nel creare una galleria di personaggi ben delineati e molto particolari in grado di assolvere bene il compito richiesto loro, anche se nessuno di essi ha fatto veramente breccia nel mio cuore.

Infine, una menzione va al il finale che si configura come un twist narrativo legato all'incipit del romanzo e che, seppur non in maniera esagerata, ho apprezzato .

Alla fine, dunque, Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada si lascia leggere, non è scritto male e intrattiene piacevolmente il lettore facendo leva sulla suspense e sui personaggi, certo thriller per me significa altro!

Consigliato? Nì. Consigliato se non vi approcciate alla lettura come se fosse un thriller, ma un buon romanzo con molta suspense narrativa e con belle atmosfere. Non vi deve inoltre disturbare una narrazione molto particolareggiata e vivida, a tratti macabra e splatter.

Coinvolgimento: 3/5

Stile: 3/5

Personaggi: 4/5

Vicenda/Narrazione: 4/5


Verdetto: 3,5/5

47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti